responsive_m

23M 2019: una marcia rivoluzionaria

23M 2019: una marcia rivoluzionaria
Il 23 marzo 2019 anche eddyburg si unisce alle migliaia di persone che scenderanno in strada per le vie e le piazze di Roma in una grande Marcia per il clima, contro le grandi opere inutili e per una giustizia ambientale. Ancora una volta sono i movimenti, i comitati, gli abitanti a rivendicare le ragioni per una rivoluzione del sistema, del modello di sviluppo in assenza di una sintesi politica capace di cogliere la svolta radicale necessaria per coniugare la salute, il benessere sociale, la salvaguardia del nostro pianeta terra e delle specie che lo abitano e i diritti umani. (i.b)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

VENEZIA

DAI MEDIA

lunedì 8 luglio 2013

Abolite le Province ma non la mia

Riflessioni un po’ fuori dal coro di un abile analista, commentate da una postilla metà da piangere e metà da sorridere. La Repubblica, 8 luglio 2013

È SINGOLARE, ma anche significativa, la vicenda delle Province. Da oltre trent’anni si parla di cancellarle o, comunque, di ridurle sensibilmente. Con effetti del tutto opposti. Erano, infatti, 95 negli anni Settanta. E già si parlava di “abolirle”. Rimpiazzarle con altri enti intermedi. Negli anni Novanta sono salite a 103. E oggi sono divenute 110. Il problema è che le Province non sono solamente ambiti amministrativi e di governo locale, ma rappresentano, da sempre, un riferimento dell’appartenenza territoriale per le persone.

Insieme alle città e almeno quanto le Regioni, le Province servono a “posizionarci” e a definirci, rispetto agli altri “italiani” (come rilevano le indagini di Demos pubblicate, da quasi vent’anni, suLimes). Anche perché costituiscono sistemi urbani, economici, sociali e, in parte, politici omogenei. Non a caso le mappe elettorali che realizzo, da tanti anni, dopo ogni elezione hanno, come base, le Province. E, almeno fino a ieri, hanno riprodotto e dimostrato la sostanziale continuità dei comportamenti di voto, nel corso del dopoguerra. Coerentemente con i lineamenti economici e sociali del Paese. E delle sue province.

Anche per questo, invece di ridursi e di accorparsi – o di venire ridotte e riaccorpate – le Province sono sensibilmente cresciute, di numero, negli ultimi vent’anni. Perché delineano riferimenti importanti della storia e dell’identità sociale. Ma anche del potere locale. Perché, inoltre, coincidono con sistemi burocratici e assemblee elettive, molto difficili da ridimensionare, a maggior ragione: da cancellare. Tanto più che le Province hanno svolto e svolgono compiti importanti su base locale. Fra gli altri: in materia di trasporti, ambiente, edilizia scolastica. E poi: costituiscono il principale ambito di “mediazione” fra i Comuni e le Regioni. Soprattutto per i Municipi più piccoli, si tratta di istituzioni utili ad accorciare le distanze dai centri del Potere Stato-Regionale.

Per questo, fin qui, è sempre risultato difficile cancellare le Province o, almeno, ridurne il numero. E, anzi, mentre si discuteva in quale modo e misura ridimensionarle, si sono, invece, moltiplicate ancora. D’altronde, l’abbiamo detto, costituiscono dei luoghi di potere. Dove sono insediati attori politici, burocratici e socioeconomici poco disponibili a scomparire, oppure a farsi riassorbire in altri ambiti istituzionali e di potere.

C’è poi un’ulteriore questione. Riguarda la singolare via del federalismo all’italiana. Che si è sviluppata, dagli anni Novanta in poi, attraverso il trasferimento – e talora la duplicazione – di compiti e attribuzioni dal Centro alla Periferia. Dallo Stato agli enti locali. Non solo: attraverso la moltiplicazione dei centri e dei gruppi di potere locali. Un processo di cui è stata protagonista la Lega, ma non solo. Anche per questo i progetti volti a riassorbire le Province hanno avuto vita dura. Perché i maggiori partiti e, per prima, la Lega nel Nord si sono opposti alla prospettiva di perdere “potere” e risorse sul territorio. E, a questo fine, hanno brandito e agitato la bandiera del Federalismo. Dell’Autonomia Locale contro lo Stato Centrale.

Non è un caso, dunque, che l’attacco definitivo (così almeno si pensava) all’Italia delle Province sia stato lanciato un anno fa dal Governo “tecnico” guidato da Mario Monti. Per ragioni “tecniche” molto ragionevoli, orientate dalla spending review. Dalla necessità di revisione e riduzione della spesa pubblica. Visto che il collage provincialista del nostro Paese è divenuto, come si è detto, sempre più oneroso e dissipativo. Non è casuale l’iniziativa di un anno fa. Dettata dall’emergenza. Favorita dalla “debolezza” politica degli attori che hanno agitato la bandiera del territorio negli ultimi vent’anni. Per prima la Lega, affondata, alle elezioni recenti. E aggrappata alle Regioni del Nord, dove è ancora al governo. D’altronde, la Questione Settentrionale appare silenziata. Messa a tacere dalla Questione Nazionale imposta dalla Ue e dalle autorità economiche e monetarie internazionali. Che esigono risparmi e tagli. E hanno rovesciato le gerarchie geopolitiche, sotto-ponendo la periferia al centro. Il territorio ai poteri della finanza e della politica globale.

Così, l’Italia Provinciale è divenuta un problema. Trattata come un vincolo di spesa, una variabile dipendente da controllare e orientare. Il governo Monti ha, dunque, proceduto, dapprima, all’abolizione dei consigli provinciali e, quindi, a una sostanziosa riduzione del numero delle Province (da 86 a 50, nelle Regioni a statuto ordinario). Per decreto legge, con procedura d’urgenza. In base, appunto, a motivi di emergenza. Procedure e motivi non compatibili con una materia “costituzionale”, com’è quella dell’organizzazione territoriale dello Stato. Di cui le Province sono parte integrante.

Così l’Italia Provinciale resiste ed esiste ancora. Malgrado i tentativi e la volontà espressa da molti, diversi soggetti politici ed economici, di ridimensionarla. D’altronde, due italiani su tre pensano che le province andrebbero almeno ridotte. Ma il 60% è contrario ad abolire la Provincia dove vive (Sondaggio Ipsos per l’Upi, novembre 2011). In altri termini: gli italiani sono disposti a “cancellare” o, comunque, a mettere in discussione la provincia degli altri. Ma non la propria. Per questo non sarà facile, al governo guidato da Enrico Letta, abolire le Province dal lessico geopolitico nazionale, come prevede il Ddl costituzionale, approvato nei giorni scorsi. Dovrebbe, infatti, ridisegnare non solo l’organizzazione ma, insieme, la stessa identità territoriale del Paese. Perché le Province, per citare Francesco Merlo, sono il Dna «che in fondo ci rende tutti uguali, provinciali tra altri provinciali». Da Nord a Sud, passando per il Centro. E perfino a Roma. L’Italia: Provincia d’Europa e dell’Euro. Un Paese di compaesani (come l’ha definito il sociologo Paolo Segatti). Punteggiato di campanili e municipi. Unito dalle differenze. L’Italia Provinciale e Provincialista: riflette tendenze di lunga durata. Difficilmente verrà sradicata da un governo di larghe intese. E, dunque, di breve periodo.



Postilla

Leggendo le ragionevoli osservazioni di Ilvo Diamanti vengono in mente due pensieri: un dato, e una storiella.
 Il dato. Le gravi responsabilità di quei partiti della Prima  Repubblica che non vollero afferrare la grande occasione storica di rifondare l’antico istituto degli ordinamenti napoleonici affidandogli i compiti moderni del governo di “area vasta”: arroccati negli asfittici equilibri di piccolo potere che avevano raggiunto, travolti dalle conseguenze dello svelamento di Tangentopoli, convinti che la “fine della storia” giustificasse la rinuncia delle proprie ideologie per abbracciare quella del neoliberalismo, furono incapaci di proseguire la riforma regionale rifondando il tassello costituzionale della Provincia.
La storiella. L’atteggiamento dei “tecnici” cui la malapolitica si è affidata e la durezza delle loro inossidabili “ragioni” ricordano un’antica storiella, che vi presento.
Uno scienziato (nella storiella naturalmente è tedesco) decide di studiare sperimentalmente le caratteristiche motorie della pulce. Nel suo report annota scrupolosamente le fasi dell’esperimento e le sue conclusioni:
- 1° giorno. Estraggo il soggetto dalla celletta Haf5/b e lo depongo su una base di 128mm x610mm. Schiocco il pollice contro l’anulare a una distanza di circa 800 mm dal soggetto. Il soggetto salta e si pone a 420 mm dal punto di partenza. Rimetto il soggetto nella celletta.
- 2° giorno. Estraggo il soggetto dalla celletta Haf5/b e lo depongo su una base di 128mm x610mm. Schiocco il pollice contro l’anulare a una distanza di circa 800 mm dal soggetto. Il soggetto salta e si pone a 420 mm dal punto di partenza. Rimetto il soggetto nella celletta.
- 3° giorno. Estraggo il soggetto dalla celletta Haf5/b, lo depongo su una base di 128mm x610mm, e gli asporto la zampetta posteriore sinistra. Schiocco il pollice contro l’anulare a una distanza di circa 800 mm dal soggetto. Il soggetto salta e si pone a 360 mm dal punto di partenza.
- 4° giorno. Estraggo il soggetto dalla celletta Haf5/b, lo depongo su una base di 128mm x610mm, e gli asporto la zampetta anteriore destra. Schiocco il pollice contro l’anulare a una distanza di circa 800 mm dal soggetto. Il soggetto salta e si pone a 316 mm dal punto di partenza. Rimetto il soggetto nella celletta.
- 5° giorno. Estraggo il soggetto dalla celletta Haf5/b, lo depongo su una base di 128mm x610mm, e gli asporto la zampetta anteriore destra. Schiocco il pollice contro l’anulare a una distanza di circa 800 mm dal soggetto. Il soggetto salta e si pone a 183 mm dal punto di partenza. Rimetto il soggetto nella celletta.
- 6° giorno. Estraggo il soggetto dalla celletta Haf5/b, lo depongo su una base di 128mm x610mm, e gli asporto la zampetta anteriore sinistra. Schiocco il pollice contro l’anulare a una distanza di circa 800 mm dal soggetto. Il soggetto salta e si pone a 106 mm dal punto di partenza. Rimetto il soggetto nella celletta.
- 7° giorno. Estraggo il soggetto dalla celletta Haf5/b, lo depongo su una base di 128mm x610mm. Schiocco il pollice contro l’anulare a una distanza di circa 800 mm dal soggetto. Il soggetto non salta. Ripeto lo schiocco per tre volte dalla stessa distanza. Il soggetto non salta Rimetto il soggetto nella celletta.
- 8° giorno. Stendo il rapporto sull’esperimento. La conclusione è: Ove si asportino in progressione le zampette al soggetto esso diviene sordo.


Show Comments: OR