responsive_m

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale
In migliaia contro questo modello di sviluppo che sta devastando l'habitat in cui viviamo. Contro le grandi opere inutili e dannose; l'inquinamento dell'aria; la contaminazione di acque e suolo da processi industriali; gli inceneritori, le politiche sui rifiuti e l'ecomafia che ci specula; il consumo di suolo; le grandi navi; i gasdotti e la dipendenza dai fossili; la sottrazione di beni comuni; le antenne militari; l'erosione della democrazia; il prevalere del profitto di pochi sul benessere di tutti. Non solo per la difesa dell'ambiente, della salute, dei territori, ma per un inversione di rotta (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

mercoledì 31 luglio 2013

Al lavoro, chimici, per trasformare la plastica!

Nel film "Il laureato", di Mike Nichols, del 1967, considerato...>>>

Fori imperiali, dal 3 agosto via alla pedonalizzazione

Da sabato  le superfetazioni stradali ai Fori romani saranno chiusieal traffico Il sindaco: «Passeremo da 1.200 veicoli all’ora a 40». Per festeggiare l’evento una lunga notte di festa tra spettacoli, performance e cultura. La Stampa, 29 luglio 2013, con postilla

Tutti per lui, lui per tutti

Per vent'anni  i dirigenti del PD hanno voluto assomigliare a Berlusconi: logico che ora dicano "vogliamo governare con lui anche se è condannato per frode fiscale". Il manifesto, 31 luglio 2013

L’immobilità della politica

Papa Francesco da un lato, la politicuzza dall’altro. Che baratro in mezzo! Lì cadranno i birilli, trascinando tutti noi. La Repubblica, 31 luglio 2013

martedì 30 luglio 2013

Gramsci a Malaga

Dalla «Escuela de Verano» parte l'idea di una rivista internazionale di studi «gramsciana». Mentre nelle università italiane si ritiene «superato», il resto del mondo lo riscopre per interpretare l'attualità. Il manifesto, 30 luglio 2013

La chiesa dell’empatia

Non basta dire “chi sono io per giudicare” se si ha il potere di cambiare. La Repubblica, 30 luglio 2013

Infrastrutture. Un Paese squilibrato

Dopo la tragedia autostradale :«appena spento il dolore e la commozione si continuerà come sempre a foraggiare le centinaia di nuove grandi opere inutili che hanno asciugato le casse dello Stato e sono il principale fattore della crisi che attraversiamo».Il manifesto, 30 luglio 2013

Quale città è possibile in una decrescita ormai obbligata

Recensione del libro La città non è solo un affare, di Mauro Baioni, Ilaria Boniburini, Edoardo Salzano «Non solo un libro ma un programma di azione sociale».  Il Giornale di Reggio, 25 luglio 2013

Nadia Urbinati: «Per un razzista un nero non può appartenere alla leadership politica»

Un'intervista a proposito delle violenze subita da Cecilia Kyenge, nera e donna. «I pregiudizi si sono rafforzati in questi anni insieme alla decadenza della cultura civica e politica, perché il linguaggio si è privatizzato; invece che cittadini che si relazionano come estranei in uno spazio pubblico, ci scambiamo opinioni personali, le quali si accavallano senza cura alla forma del linguaggio». Il manifesto, 30 luglio 2013

Il centrosinistra esca dall’impasse è ora di uccidere il Porcellum

Si continua a sperare che il Pd cambi strada, almeno un po’. Ma i contadini dicevano: a lavar l’asino si perde il ranno e il sapone. La Repubblica, 30 luglio 2013

Periferie: il «new deal» partecipativo di Librino

Ancora una volta riemerge in un quartiere "modernista" italiano la divaricazione fra intenzioni e realtà, ma con un approccio propositivo non passatista. Il manifesto, 30 luglio 2013, con duplice  postilla (f.b.)

lunedì 29 luglio 2013

Costituzione o Mercato?


«A chi chiederemo se davvero la crisi economica è un frutto dell’antifascismo? Se per risolverla occorre stravolgere la Costituzione modificando la forma di Stato e di governo generata dalla Resistenza? Se dobbiamo rassegnarci  a demolire la Costituzione in nome della cosmica giustizia dei mercati?» (Stefano Rodotà)

Prolegomeni a ogni futura definizione di area metropolitana

Mentre nella confusione più totale e con un dibattito al ribasso sta nascendo la nuova entità amministrativa sovracomunale, Arcipelagomilano riprende un chiarissimo testo dello scomparso maestro di discipline territoriali, con riferimento al caso dell'area metropolitana padana (f.b.)

Detroit, la nuova Grecia

Un articolo finalmente tradotto in italiano dal blog del premio Nobel per l'economia, ribadisce la natura complessa della bancarotta nell'ex capitale dell'auto: metafora della crisi finanziaria e della cattiva governance attraverso la quale si crede (o si vuol far credere) di uscirne. La Repubblica, 29 luglio 2013, postilla (f.b.)

La politica muore a Venezia

Il paradosso di un filosofo prestato alla politica, rimasto un politico della domenica, un dilettante allo sbaraglio. Massimo Cacciari descritto in un recente, maligno libro di Raffele Liuzzi come «responsabile più evidente di una città morta, spogliata da un turismo rapace e distruttivo». Il Sole 24 Ore, 28 luglio 2013

domenica 28 luglio 2013

I costodi della Carta

Se la ragione non dico dominasse, ma almeno occupasse un po’ di spazio nella mente degli eletti (pardon, dei parlamentari) non ci sarebbero dubbi dopo questo magistrale riepilogo della questione delle modifiche costituzionali. Ma… La Repubblica, 28 luglio 2013

L'Europa, a sinistra

Per un'Europa da assumere come dimensione strategica «la costruzione di una lista euro-mediterranea attorno aduna visione chiara e netta: no all'austerity, centralità della crisi ecologica e climatica e riconversione ecologica dell'economia, reddito di base incondizionato, liberazione e generazione dei beni comuni, opposizione alle grandi opere inutili, no al fiscal compact, ricostruzione del welfare e del pubblico, diritti, lavoro di qualità, cittadinanza». un articolo di G. Bettin, L. Casarini, S. Dazieri, C. Freccero, U. Mattei. Il manifesto, 28 luglio 2013

La solidarietà non basta tocca a noi difendere Cecile

La vergogna è di ciascuno di noi, ci rende il peggiore dei popoli, «come ha confermato l’inamovibilità del vicepresidente del Senato, Calderoli, protetto dal suo» tollerato da altri, eletto dagli italiani. La Repubblica, 28 luglio 2013

sabato 27 luglio 2013

Mall Cinese Mezzo Gaudio

Per quanto possa essere interessante l'offerta di prodotti di discreta qualità a basso costo, l'evoluzione urbanistico-commerciale della Chinatown milanese presenta ben altri spunti, sicuramente utili per tante altre città italiane alle prese coi medesimi problemi

Né poteri né elezioni, sì allo svuota-Province. “Risparmi per un miliardo di euro l’anno”

Approvata la bozza del disegno di legge del governo per disFARE l'assetto istituzionale dell'Italia. Ma il percorso è ancora lungo. Per ora si distrugge, poi (forse, e chissà come) si costruirà. La Repubblica, 27 luglio 2013, con postilla

Grandi navi, “duello” Costa-Orsoni

L’ex sindaco Costa, in passato favorevole a limitare i turisti a Venezia, poi convertito al feroce sviluppismo portuale, ha un progetto; il deputato Zanetti uno simile. Entrambi non sanno che cos'è la Laguna, ma non lo sa neppure il sindaco attuale. La Nuova Venezia, 27 luglio 2013

ILVA connection

Se il diritto al lavoro e alla salute fossero stati presi sul serio all’Ilva non ci saremmo trovati nell’attuale situazione disastrosa, da un punto di vista sociale e ambientale, perchè oggi i danni prodotti richiedono costi molto più alti che se si fosse operato diversamente. Pubblichiamo uno stralcio del libro di i, "Ilva connection" (Manni Editore). www. Sbilanciamoci.info, 26 luglio 2013

Petrolio: se è poco, che serva per tutti

Per la maggior parte di noi l'interesse per "il petrolio" non va al di là del fastidio...>>>

Larghe intese contro l'acqua pubblica

Democrazia a casa nostra: tutti uniti, destra ed ex sinistra, quando rispettare la volontà popolare significa contrastare consistenti interessi privati Lo sporco lavoro del governo Letta. Fino a quando abuseranno della nostra pazienza? Il manifesto, 27 luglio 2013

Nella città dolente: 50 anni di follia urbanistica e una speranza

In questi giorni, commentando la trasformazione in legge del così detto decreto del fare, più di un giornale sottolineava>>>

venerdì 26 luglio 2013

Operazione Fori Imperiali

"Ce n'est qu'un debut"... La posta in gioco non è un migliore sistemazione del traffico, né solo la tutela fisica del beni culturali, ma la costruzione di una Roma che abbia nel valore suo immenso patrimonio storico la ragione della sua vita e il criterio ordinatore dei suoi spazi. Il manifesto, 26 luglio 2013

Vita (e morte) da ciclisti

Una sacrosanta richiesta di maggiore attenzione e investimenti per un modo di trasporto spaventosamente penalizzato sul versante della sicurezza. Corriere della Sera Milano, 26 luglio 2013 (f.b.)

Stato di massimo del controllo

«Un sistema che alla luce del sole promette eguaglianza dei diritti mantenendo sottotraccia disparità di potere che ne contraddicono i presupposti, abbisogna di un forte controllo sulla propria base sociale e altrettanto elevati ambiti di segretezza». il manifesto, 26 luglio 2013

giovedì 25 luglio 2013

Tornaconti elettorali

Estremo appello al PD perché interrompa il suicidio e almeno aiuti ad abolire il Porcellum. Scommettiamo che resterà inascoltato? Vorremmo perdere, ma … La Repubblica, 25 luglio 2013

Se la stabilità si trasforma in idolatria

«La stabilità assurge a valore supremo, non negoziabile, e se vogliamo custodirla dobbiamo disgiungerla da princìpi democratici essenziali come l’imperio della legge, la responsabilità del governante, la sua imputabilità: tutte cose che turbano». La Repubblica, 24 luglio2013

Terra e libertà.

Gli articoli d'apertura  di Angelo Mastrandrea e Alessandro Portelli al secondo numero dell'inserto "L'Italia che va"curato da Piero Bevilacqua per il manifesto, 25 luglio 2013. Nell'inserto  del giornale altri articoli  di Giuseppe De Marzo, Giuseppe Trimarchi, Eleonora Martini, Luca Fazio

mercoledì 24 luglio 2013

Rimozione e pacificazione

Una lettura psicanalitica delle ragioni profonde che hanno condotto alle “larghe intese” e al governo Letta-Berlusconi getta inaspettati raggi di luce sulla situazione politica italiana, che gli eletti dal popolo (e forse il popolo stesso) non sanno o non vogliono vedere. La Repubblica, 23 luglio 2013

martedì 23 luglio 2013

Senza tutela ambientale il nostro turismo affonda

Più case-più turisti-più lavoro per i sardi: l'imbroglio che resiste. Eppure basta informarsi per sapere che sono sempre meno i sardi impiegati nei villaggi vacanze - come nell'edilizia.  E intanto, la "materia prima" sparisce. Non solo in Sardegna. La Nuova Sardegna, 23 luglio 2013

L'ideologia del paese normale e l'impossibile svolta del Pd

Riflessione su alcune ragioni della de-ideologizzazione del PD e della conseguente resa della ex-sinistra all'ideologia TINA (There Is No Alternative),  causa principale del prolungato suicidio dell'erede del Pci. il manifesto, 23 luglio 2013

Cultura e privatizzazioni: lettera aperta a Ilaria Borletti Buitoni

Il nostro patrimonio culturale come strumento di democrazia e di uguaglianza: l'art. 9 spiegato a chi dovrebbe conoscerlo per aver giurato sulla Costituzione. Il Fatto Quotidiano on-line, 21 luglio 2013 (m.p.g.)

Shopping Mall Urbano Diffuso

Progetti di riorganizzazione di un quartiere “etnico” milanese, nella prospettiva Expo, propongono idee nuove per il commercio in città. La Repubblica e Corriere della Sera, 23 luglio 2013 (f.b.)

Cambiare o sparire

Una onesta e persino lucida per certi versi immagine del rapporto fra territorio, sistema socioeconomico, e automobile: la confusione impera, insieme ai rischi. La Repubblica, 22 luglio 2013, postilla (f.b.)

Tutela del paesaggio. Quello che insegnano le Cinque Terre

«Valorizzare il paesaggio vuol dire favorire una buona agricoltura e selvicoltura, non un'inutile competizione con Alaska e Scandinavia su fauna o foreste». Un'idea generica e mal concepita di ritorno allo stato di natura è antistorica, soprattutto nel nostro paese per secoli giardino coltivato d'Europa. Corriere della Sera, 22 luglio 2013 (f.b.)

domenica 21 luglio 2013

Quanto ci costa l'irresponsabilità

La difesa della continuità governativa sic et simpliciter, lasciando passare questo episodio come un infortunio di qualche funzionario distratto, non ripara il danno gigantesco di credibilità del nostro Paese agli occhi della comunità internazionale. La Repubblica, 21 luglio 2007

sabato 20 luglio 2013

Assetti di potere sconvolti

«Gli interventi operati in via di supplenza dal Capo dello Stato non sono riusciti a ristabilire l'ordine delle competenze e superare la crisi politica.  Accecati dal contingente e dalla prolungata crisi economica, s'è sottovalutata la profondità di quella politica». Il manifesto, 20 luglio 2013

La normalità deviata

Da Enrico Letta e Giorgio Napolitano nei rapporti con il Kazakistan, a  Roberto Calderoli e l'indecenza razzista, per non parlar di  Angiolino Alfano e del PD. Episodi  recenti del doloroso tramonto di uno Stato democratico. La Repubblica, 20 luglio 2013

venerdì 19 luglio 2013

Roma: l'archeologia in svendita

Fra pochi giorni, il 31 luglio, scadranno i termini del bando di gara>>>

L’allarme degli ambientalisti: da Lupi deregulation edilizia

Il Lupi non perde né il pelo né il brutto vizio: servire i più arretrati interessi nelle trasformazioni del territorio, in un demente, istituzionalizzato, molecolare padroni a casa nostra.  Chissà che faranno i suoi lupacchiotti sparsi a sinistra; se continueranno a tenegli bordone. L'Unità, 19 luglio 2013

Sfiducia ad Alfano, il Pd voterà no tra i Democratici è alta tensione

Epifani: “il caso non è chiuso”: Cercheranno paletti per contenere i berluscones, intanto sono i pali che li sorreggono. Tra tanti modi possibili per concludere un’esperienza politica il partito democratico ha scelto il peggiore. La Repubblica, 19 luglio 2013

Seconda monarchia


Napolitano mette in riga i partiti, dicono i giornali di oggi, perché, come diceva Margaret Thatcher,  TINA (There Is No Alternative)

Centri storici chiusi, parcheggi cari e le auto fuggono dalle grandi città

Nuovi inequivocabili segnali della crisi e dei cambiamenti che induce negli stili di vita. Si riuscirà per una volta a leggerli in modo propositivo? La Repubblica, 19 luglio 2013, postilla (f.b.)

giovedì 18 luglio 2013

Calderoli

Indignarsi...e poi sorridere. Grazie  Flavia

Pentedattilo, paese fantasma

«La rivitalizzazione dei borghi promossa dell'Agenzia dei Borghi Solidali, si fonda, a partire dalla vocazione dei luoghi, su modelli di sviluppo innovativi e sostenibili». Il manifesto, 18 luglio 2013

Chomsky Teologia politica dell'indignazione

Nella nuova intervista del grande intellettuale statunitense per Ponte alle Grazie «una serrata critica ai miti della cultura liberal segnata dalla convinzione di un immutabile ruolo imperiale degli Stati Uniti». Il manifesto, 18 luglio 2013

Montagne del Sud

Il tour di un paesologo attraverso gli anfratti più reconditi di tre regioni: Basilicata, Calabria e Campania. Tra montagne in cerca di un nuovo umanesimo, borghi da raccontare e intellettuali tardo-magno greci. Il manifesto, 18 luglio 2013

Quei borghi che uniscono l'Italia


Inizia oggi sul manifesto (18 luglio 2013) la pubblicazione di un interessante inserto settimanale proposto e curato da Piero Bevilacqua,  dedicato a un'Italia minore che può additare le vie da percorrere per costruire un0Italia migliore perchà diversamente "moderna"cioè all'altezza di una soluzione umana ai problemi di oggi.Anche i frequentatori di eddyburg sono invitati a collaborare

Un argine alla povertà

Le cifre riportate  e il trend che denunciano dovrebbero inorridire di più chi, appartenendo alla razza umana e no a quella padana o simili, sa che questa piccola provincia, e nel primo mondo di cui essa fa parte, vivono ceti privilegiati rispetto al vasto resto dl pianeta: Qualcuno ne avrà colpa, qualcosa andrà cambiata. La Repubblica, 18 luglio 2013

mercoledì 17 luglio 2013

La Riforma della Legge Toscana in materia di Governo del Territorio. Un passo oltre la contrapposizione

Nel disegno di riforma della legge regionale toscana le modifiche all’impianto procedurale sono integrate con una più estesa revisione dell’orientamento culturale, fondate sulla fertile distinzione tra "risorsa" e "patrimonio", cioè tra valora di scambio e valor d'uso. EyesReg, Vol.3, N.4 – Luglio 2013

Consorzio Venezia Nuova. il nostro grido inascoltato

A proposito di uno dei padroni "extraisituzionali istituzionalizzati" che dominano Venezia, la testimonianza di un protagonista della critica al mostro della "concessione unica", in quegli anni segretario della CGIL. La Nuova Venezia, 17 luglio 2013

Ulrich Beck «Ci salverà la generazione dei giovani Colombo»

«Molte persone sono sempre più deluse dagli stati-nazione da questo sentimento sta nascendo una reinvenzione dei valori. Si orientano attraverso i social media. Difendono l’ambiente contro le élite e riscriveranno le categorie politiche Il grande sociologo spiega come». La Repubblica, 17 luglio 2013

I geni maligni dei social media

«Quella zuccherosa nostalgia per il sociale che domina la Rete. Anticipiamo stralci del saggio del teorico dei media pubblicato nell'ultimo numero di Lettera internazionale Un immaginario attivismo di fronte a un emporio adibito al consumo vorace di informazioni Il web è presentato come un medium per rivoluzioni e rivolte condotte a colpi di "mi piace"». Il manifesto, 17 luglio 2013

L’odore marcio del compromesso

«La democrazia italiana è incompiuta. Essendo a disposizione, il suo Stato si fa dispositivo, piattaforma che serve da punto d’appoggio per manovre utili a altri». La Repubblica, 17 luglio 2013

martedì 16 luglio 2013

American way of life. Le ideologie nel labirinto

Il terzo volume del collettaneo L'altro Novecento,  a cura  di Pier Paolo Poggi e Fondazione Micheletti: «Il capitalismo americano e i suoi critici». Miti che hanno orientato le scelte di milioni di individui, il comunismo referente-nemico dalla politica a stelle e strisce. Il manifesto, 16 luglio 2013

Lo straccio sporco dei barbari razzisti

Chiesero ad Einstein a quale razza appartenesse, rispose: razza umana. A sentire le gesta di certi italiani si direbbe loro non appartengano a quella razza. E' uno stato normale quello che ha tra gli esponenti figure simili? Una società normale quella che li elegge? La Repubblica, 15 luglio 2015

Land grabbing, la caccia alle terre coltivabili

A proposito di un aspetto rilevantissimo del consumo di suolo a livello planetario, che incide pesantemente anche sulle condizioni di vita della piccola provincia Italia. dalla risorta rivista Ecologia politica, 9 luglio 2013

La rivoluzione dei diritti da Malala al Datagate

«Nel mondo globale, si sprigiona oggi una forza dei diritti che si manifesta nei luoghi più vari e ad opera di una molteplicità di soggetti. Si affiancano, e talora si sostengono reciprocamente, movimenti popolari e interventi delle corti, iniziative legislative e azioni di gruppi sociali organizzati». La Repubblica, 14 luglio 2013

lunedì 15 luglio 2013

Consumo di suolo, dubbi delle Regioni sul ddl del Governo

Da edilportale 14 luglio un comunicato-stampa. Ma non era proprio il blocco delle abnormi previsioni di ampliamento delle aree edificabili dei piani vigenti l'obiettivo che si voleva raggiungere nell'immediato, in attesa di definire «principi fondamentali di governo del territorio» condivisi? 

Zagrebelsky.« La mia vita e l'etica del dubbio»

Non perdete l'intervista a un grande intellettuale dei nostri anni. Antigone e Creonte, Dostoiewskij e Tolstoi, legge e giustizia, le varie facce della natura umana. E un pensiero-guida: «La verità esiste, nessuno la può afferrare completamente e però esistendo, non è insensato cercarla». La Repubblica, 14 luglio 2013

domenica 14 luglio 2013

Arminio: “Racconto piccoli paesi dove soffia il nuovo umanesimo”

Recensione dell'ultimo  libro di uno studioso, narratore, testimone e poeta dei paesi dell'Italia interna, una parte essenziale del patrimonio italiano, se è vero che senza l'osso la polpa non sta in piedi. La Repubblica, 13 luglio 2013

L’Enciclica e la critica dell’individualismo

«Il dibattito pubblico, dall’intreccio dei discorsi, ha tutto da guadagnare, per sollevare il suo livello, per corrispondere sempre più da vicino nella vita delle persone». L'Unità, 13 luglio 2013

sabato 13 luglio 2013

La Urbinati pensa di lasciare i “saggi” “Se il Pd salva Silvio io mollo tutto”

La politologa fa parte del Comitato per le riforme: non sono intransigente, ma non potrei tollerare una sfida alla Cassazione. La Repubblica, 13 luglio 2013

A Venezia, reati annunciati e denunciati da trent'anni

Una sintesi della storia del Consorzio Venezia nuova, scritta da un giornalista, Alberto Vitucci,  che sa le cose, e la testimonianza di un Sindaco, Massimo Cacciari,  che tentò di opporsi. La Nuova Venezia, 13 luglio 2013

La democrazia sotto ricatto

Il Caimano, descritto con pochi essenziali parole, e il Pd, giustamente uniti nella tagliente invettiva del grande maestro di diritto. La Repubblica, 13 luglio 2013

Conflitto di interesse, la lunga storia delle promesse del centrosinistra

Il lungo tradimento della democrazia e della decenza  perpetrato dalla sinistra che non c'è. Il manifesto, 13 luglio 2013

I misteri dell’operazione Ablyazov Quelle strane visite dei kazaki nelle stanze di Viminale e Questura

Un truce episodio di negazione dei diritti umani, sotto l'ombrello delle larghe intese. Odor di petrolio e l'ombra del Cavaliere, sussurra la stampa del giorno. Ecco, intanto. come sono andati i fatti. La Repubblica, 13 luglio 2012

Bufera sul MOSE.Retata per le gare truccate

Sette arrestati fra cui l’ex presidente del Consorzio Venezia Nuova Giovanni Mazzacurati. Chissà se saranno così bravi da individuare a chi e perché siano finiti i “fondi neri” creati in Austria con i soldi dei contribuenti? La Nuova Venezia, 113 luglio 2013. Con postilla

venerdì 12 luglio 2013

Resurrezione utile a chi difende il pianeta e i suoi abitanti

La rivista CNS Ecologia Politica è nata nel filone dell'interesse suscitato...>>>

La parabola di Ponte Vecchio

«Per secoli la forma del discorso pubblico, la forma della vita politica, la forma della civiltà stessa si è definita e si è riconosciuta nella forma dei luoghi pubblici. Le città italiane sono sorte come specchio, e insieme come scuola, per le comunità politiche che le abitavano». il manifesto, 12 luglio 2013

La Carlassare lascia il comitato dei saggi “Lo stop del Parlamento è una disfatta morale”

«Come costituzionalista sono sconvolta, si è oltrepassato ogni limite. La sospensione era in realtà un’intimidazione bella e buona verso la Cassazione». La Repubblica, 12 luglio 2013

Abolire subito il Porcellum

Estremi tentativi di ristabilire un minimo di democrazia rappresentativa in Italia: «perché un paese senza una praticabile legge elettorale è privo di effettiva agibilità democratica, diventa pantano, buono solo per tafani, alligatori e, appunto, caimani». La Repubblica, 12 luglio 2013

sempre lui

L'analisi politica di Altan (la Repubblica, 12 luglio 2013

Quel ramo della Tangenziale di Milano che volge al Pedemonte

Perché limitarsi alla nuova Tangenziale Esterna di Milano? In Regione Lombardia già si preme per andare oltre, per estendere i tentacoli fino al Resegone di manzoniana memoria

giovedì 11 luglio 2013

Lo stimolo alla ripresa

«Presumo che un giorno salterà fuori qualcosa e finalmente ci riporterà alla piena occupazione. Tuttavia, non posso fare a meno di ricordare che l’ultima volta che ci trovammo in una situazione del genere quel qualcosa fu la Seconda guerra mondiale». La Repubblica, 11 luglio 2013

Berlusconi era ineleggibile, perciò vada via. La parola al Senato

Da anni c’è chi sostiene, giustamente, che B. era ineleggibile fin dall’inizio .Non l’hanno voluto ammettere i D’Alema e i Violante, e con loro tutto l’ex PCI. «Ma perché mai, se si è sbagliato finora, il peccato deve essere recidivo?».  Articoli di Luigi Saraceni e Vincenzo Vita, entrambi su Il manifesto, 11 luglio 2013

Palais. L'addio di Cardin spiegato in una lettera

Meglio bere un aperitivo che continuare a domandarsi se l'orribile sogno del sarto franco-veneto sia svanito perchè  il  sindaco della città ha promesso ciò che non poteva promettere, se era una patacca, o un bluff, o solo un disastro: lo spreco di un'area preziosa per la città e la regione. Il succo è che il disastro sembra evitato. La Nuova Venezia, 11 luglio 2013

Muhammad Yunus. La potenza della povertà

Una società oltre il profitto e le politiche di austerità che hanno scandito l'agenda di molti governi nel Nord e nel Sud del pianeta. Un'intervista con l'economista e premio Nobel per la pace «inventore» del microcredito, il manifesto, 11 luglio 2013

mercoledì 10 luglio 2013

Il crimine dell'indifferenza

Una lettura appassionata e profonda della visita ai migranti da parte di un papa che fa politica attraverso la testimonianza.  «Il mondo è uscito dai cardini, 19mila morti sono lo scandalo che nessun politico grida, e il Papa ha trovato la parola che lo mette a nudo e lo definisce: la
globalizzazione dell’indifferenza».La Repubblica, 10 luglio 2013

Ambiente, come decidere insieme

Un'opinione che parrebbe in decisa controtendenza rispetto ad altre, forse maggioritarie forse no, spinte a un'idea autoritaria di stato e governo, del territorio e non solo. L'Unità, 9 luglio 2013 (f.b.)

martedì 9 luglio 2013

Una passeggiata sui Fori imperiali

Marino: «È il primo atto per realizzare il parco archeologico più grande del mondo». Un Parco che cambia la città e la rende migliore per tutti. Sulle periferie sta intanto già lavorando da un paio di decenni, l'assessore all'urbanistica: forse perciò Marino lo ha scelto, pensando alle periferie prima ancora che al centro. Il manifesto, 9 luglio 2013

Papa Francesco e la globalizzazione dellindifferenza

Un papa schierato sul crinale più duro: quello separa il benessere senza speranza dalla miseria più profonda . Altro che Muro di Berlino! Articoli di Norma Rangeri, Stefano Liberti e Franco Cardini. il manifesto, 9 luglio 2013

Le disuguaglianze insostenibili

Chiara sintetica analisi dei crescenti squilibri sociali e loro ragioni, che purtroppo desinit in piscem. La Repubblica, 9 luglio 2013, postilla

perché siamo sempre più poveri?


La risposta non è difficile: questa situazione va ricondotta al pensiero dominante di ispirazione neoliberista, che si è affermato all’inizio degli anni ’80 negli Stati Uniti e in Inghilterra e che poi ha influenzato la politica economica dell’Unione europea. La teoria economica neoliberista si fonda sull’assunto che la diseguaglianza non inficia in alcun modo la crescita. Anzi, detassare redditi e soprattutto patrimoni immobiliari e mobiliari dei più ricchi genererebbe un “effetto a cascata” che dai piani alti della società trasferirebbe la ricchezza fino ai piani bassi, portando ad un arricchimento generale e ad una maggiore crescita. Questa idea ha aperto la strada alle privatizzazioni e alla deregulation (Giorgio Ruffolo e Stefano Sylos Labini)

lunedì 8 luglio 2013

Abolite le Province ma non la mia

Riflessioni un po’ fuori dal coro di un abile analista, commentate da una postilla metà da piangere e metà da sorridere. La Repubblica, 8 luglio 2013

Prevedere e prevenire, altrimenti non lamentiamoci

Le numerose e continue crisi ambientali ed economiche non sono colpa di una divinità ostile... >>>

Il governo del territorio nella città metropolitana

La scala sovracomunale è la dimensione adeguata per la soluzione sostenibile di tantissimi problemi di efficienza ed equità, come hanno ben capito i sindaci dell'est milanese nella loro lettera aperta sul rilancio delle iniziative per la Città Metropolitana

Sette no ai Fori pedonali

Si potrebbe intitolare questa intervista, pubblicata dal Messaggero l'8 luglio,  "l'urbanistica di Luciano Canfora". E metterla poi nell'elenco di stravaganze e sciocchezze detto "stupidario". Noi invece la prendiamo sul serio, e nella postilla spieghiamo perchè.

Le riforme a passo di bulldozer

Tutti (o quasi) d'accordo a impiegare i carri armati  contro la democrazia anche in Italia.  Il manifesto, 7 luglio 2013

Giù dalla torre

«Giù dalla torre: le luci di "Palais lumière" si spengono», è il titolo del più recente libretto della collana, Occhi aperti su Venezia, di Corte del fòntego editore. ne pubblichiamo gli ultimi due paragrafi. E' la storia puntuale di una minaccia sventata. Forse era solo un bluff nel quale troppi (da Napolitano a Orsoni, e tanti altri) sono caduti.

domenica 7 luglio 2013

Quando il golpe non dispiace

La "popolarità" del gesto tirannico (o del golpe militare)  è una giustificazione ammissibile  per la violenza alla democrazia? La simpatia  dei giornali italiani per chi ha cacciato i fratelli musulmani dal potere in Egitto è un brutto segnale anche per il nostro paese. Il manifesto, 7 luglio 2013

Il datagate e il paradosso di Obama

«Diceva Norberto Bobbio che rendere pubblico il potere implica togliergli il velo della segretezza: questa è una delle promesse più importanti della democrazia». La Repubblica, 7 luglio 2013

sabato 6 luglio 2013

Gli aiuti alla Grecia? Nelle tasche della finanza

Dove vanno i soldi estratti dalle tasche del  popolo e destinati dai governi ad altri popoli? Ecco a chi. «Il 77 percento dei 206 miliardi di aiuti, distribuiti in 23 tranches alla Grecia da Ue e Fondo monetario, è finito nelle tasche della finanza». La denuncia in un rapporto di Attac Austria. Sbilanciamoci.info, 5 luglio 2013

L'insostenibile pesantezza del quartiere fotocopia

Man mano cresce anche nel nostro paese la consapevolezza e l'applicazione pratica del contenimento del consumo di suolo, spunta automaticamente un altro problema: la ri-colonizzazione degli spazi urbani da parte dei vari soggetti: chi prevale?

Roma, rilancio del progetto Fori e Parco Appia

Luigi Petroselli  fu il grande sindaco, che ebbe il merito storico di avviare la trasformazione di Roma utilizzando il progetto fortemente voluto da Antonio Cederna.  Il migliore augurio che possiamo fare al nuovo sindaco Ignazio Marino e ai suoi collaboratori è di portare a compimento quell'impresa. Articoli di Vittorio Emiliani e Jolanda Bufalini, l'Unità 6 luglio 2013

Milano: Piano Urbano della Mobilità Sostenibile

Come porre tutte le precondizioni perché si riduca, drasticamente, la circolazione delle auto private in città e nell'area metropolitana? Tante soluzioni coordinate, ma resta un mistero .. 

Abolire le parole

hanno rovato il modo più efficiente di fare le riforme evitando lacci e lacciuoli: aboliscono non i problemi, ma le parole. Cominciano dal basso, eliminano la parola PROVINCIA. Poi passeranno a DEMOCRAZIA, poi LAVORO...

Le oligarchie. Ecco come il potere svuota la democrazia

L'interessante anticipazione  di parte del dialogo  sul tema “Democrazia e oligarchie” che si terrà lunedì 8 luglio all’Archiginnasio di Bologna (vedi in calce).
 Singolare convergenza di diagnosi e terapia tra due intellettuali molto diversi, ma entrambi "radicali", che guardano cioè alla radice delle cose. La Repubblica, 6 luglio 2013

venerdì 5 luglio 2013

I popoli sono stanchi

Certo, non era facile per nessuno prevedere che il XXI secolo ci avrebbe dischiuso uno scenario di rivolte popolari su scala mondiale >>>

Il virus del disincanto

«Uno dei principali compiti culturali che si pongono a qualsiasi gruppo oppresso è di minare o screditare la giustificazione del ceto dominante». Ossia, recuperare l'indignazione all'impegno politico abbattendo l'autorità morale della sofferenza e dell'oppressione». Il manifesto, 5 luglio 2013

Province, si fa presto a dire abolizione

Qualche giornalista (e qualche giornale) esce dal coro e adopera ragione e conoscenza Sebbene il motivo per criticare l'abolizione delle province non sia prevalentemente nel lavoro. Il Fatto Quotidiano, 5 luglio 2013

Una ricerca militante per svelare il rebus del lavoro

«Genealogie del futuro», un libro collettivo, a cura di Gigi Roggero e Adelino Zanini per Ombre Corte edizioni. il manifesto, 5 luglio 2013

Egitto, e non solo

Sicurezza e democrazia, conflitto in corso (dal manifesto)

La strada bassa della Fiat

Perchè la riduzione dei diritti dei lavoratori è nemica dell'aumento della produttività. La Repubblica, 5 luglio 2013

Grazie, Laura Boldrini

«Non sara certo nella riduzione dei diritti la via d'uscita dalla crisi». Non lo dice solo Boldrini, lo dice la Costituzione

Eddytoriale 159 - Lucertole e coccodrilli

Che bello se i giornalisti, in Italia, sapessero di che parlano affrontando temi più complessi di quelli della politique politicienne! Soprattutto quando hanno penna accattivante e godono credito nell’opinione pubblica. Mi riferisco all’articolo di Merlo su Repubblica del 4 luglio 2013, buona sintesi del pensiero corrente e dei luoghi comuni sull’argomento del giorno: l'abolizione della Provincia.

giovedì 4 luglio 2013

Perché le Province non muoiono mai

Un abile assemblaggio di luoghi comuni in merito all'organizzazione del potere pubblico sul territorio. La Repubblica, 4 luglio 2013, con postilla e promessa

La Fiom ha ragione

!La Consulta: l'esclusione dei sindacati che non firmano i contratti è incostituzionale. Ora il Lingotto volti pagina. Un colpo per la Fiat: «Ora una legge che ci tuteli». E in Parlamento si discuta di rappresentanza»Il manifesto, 4 luglio 2013

mercoledì 3 luglio 2013

Due righe nel Piano, riecco la sublagunare

Tenace nei vizi Venezia, che poteva insegnare al mondo di domani come si governa consapevolmente il rapporto tra società e ambiente, ma si riduce a maestra del degrado di sé stessa, mercificando la propria immagine. La Nuova Venezia, 3 luglio 2013, con postilla dedicata a Lewis Carrol