responsive_m

PONTE MORANDI UN ANNO DOPO

PONTE MORANDI UN ANNO DOPO
Gli incendi nella foresta amazzonica, baluardo vitale della biodiversità, contro i cambiamenti climatici e per la sopravvivenza di 30 milioni di persone, quest'anno sono aumentati dell'83% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Bolsonaro ha ripetutamente affermato che il suo paese dovrebbe aprire l'Amazzonia agli interessi commerciali, per consentire alle aziende minerarie, agricole di sfruttare le sue risorse naturali. La distruzione della parte brasiliana della foresta è notevolmente incrementata sotto il nuovo presidente. Nei primi 11 mesi, la deforestazione aveva già raggiunto i 4.565 km quadrati, con un aumento del 15% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

CONTRORIFORMA URBANISTICA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

domenica 28 aprile 2013

La cabina di regia riunita a Roma ha optato per la nuova destinazione. Museo ricostruito nel parco di Bagnoli

Finalmente De Magistris ne fa una giusta. Sarà ricostruita la Città della scienza, nel rispetto della legalità, di un buon piano urbanistico e della volontà dei cittadini di godere di un parco e una spiaggia. Il mattino, 24 aprile 2013, con postilla (a.d.g.)

Solo l’ingresso di Città della Scienza resterà al suo posto, non verrà abbattuto. Passa la linea - condivisa tra tutti gli enti locali e il governo - del rispetto delle regole, del Prg e della restituzione di mare e spiaggia ai napoletani che se li sono visti sottrarre per più di un secolo. Il museo andato in fiamme sarà ricostruito al di qua della strada, dentro il perimetro designato per il parco urbano di Bagnoli. Passa anche un atto formale di fondamentale importanza: la Fondazione Idis è un ente privato al quale va il massimo rispetto e del quale verrà rispettata la libertà, ma vive con i soldi pubblici e questi fondi saranno gestiti dal pubblico, dallo Stato, dagli enti locali. Gestione e governance saranno separati.

Nella sostanza Città della Scienza libera la spiaggia e il mare e si allarga verso l’interno. Non verranno toccati i manufatti non bruciati, che tuttavia sono ben lontani dal mare. E simbolicamente l’ingresso verrà ristrutturato e non demolito, in memoria di quel 4 marzo quando mani rozze ma guidate da menti molto sottili misero in pratica il rogo perfetto, mani e menti che non sono state ancora individuate dagli investigatori.

Ieri dunque a Roma la cabina di regia su Bagnoli e la ricostruzione di Città della Scienza - composta da Comune con il sindaco Luigi de Magistris e il vice Tommaso Sodano; la Regione con l’assessore Guido Trombetti; il vicepresidente della Provincia Ciro Alfano; i ministri Francesco Profumo (Istruzione) e Fabrizio Barca (Coesione territoriale); il sottosegretario Marco Rossi Doria e i tecnici del ministero per lo Sviluppo economico retto da Corrado Passera - ha preso una decisione che era nell’aria. Importante il lavoro di de Magistris sul fronte ambientalista con la richiesta pressante di avere finalmente una linea di costa libera e a disposizione dei napoletani; altresì importante l’azione di Trombetti: l’ex rettore è l’unico in grado di far digerire a Vittorio Silvestrini, patron di Città della Scienza, il trasloco, fortemente avversato dalle sue agguerritissime truppe.

Entro una settimana sarà stilato il documento definitivo che consente a tutti gli attori in campo di centrare obiettivi per la propria quota parte. Del resto l’accordo andava trovato, pena la perdita di decine di milioni di euro, fondi già pronti che servono per la ricostruzione e per la bonifica. Una quadratura politica trovata all’ultima curva, atteso che questo governo già oggi potrebbe non essere più in carica. Uno sprint che consentirà di non accumulare altri ritardi sul fattore Bagnoli.

Dove verrà dunque ricostruita Città della Scienza? Precisamente nell’area Newton e degli incubatori d’impresa: scartata l’ipotesi acciaieria, troppo complesso l’iter per avere i fondi della Ue. Inoltre l’area Newton non è sotto sequestro della magistratura mentre l’acciaieria sì. «L’obiettivo della riunione - si legge in una nota congiunta - è stato di condividere in un’ottica unitaria, con tutti i soggetti coinvolti nella ricostruzione del Polo scientifico, il patrimonio informativo acquisito in queste settimane di lavoro. In particolare, i risultati definitivi dello Studio comparativo sulle possibili opzioni di localizzazione del Centro, in corso di elaborazione da parte del Comitato Interistituzionale, saranno resi noti entro il 30 aprile, così come stabilito nel Decreto Interministeriale siglato il 28 marzo scorso dal ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca».

Un passaggio, questo, solamente formale, perché lo studio è stato superato, se possibile, dalle necessità politiche di collocare la struttura in un punto dove la sua ricostruzione può essere concreta perché non collide con gli interessi più generali della città e della regione.

Postilla

L’amministrazione comunale di Napoli finalmente batte un colpo, convincendo la cabina di regia governo-enti locali a optare per la ricostruzione di Città della Scienza a monte di via Coroglio. E’ un ritorno al piano regolatore, a suo tempo bypassato da un accordo di programma. Si libera il litorale, si creano le premesse per il recupero dell’arenile. La decisione è merito dell’assessore all’urbanistica Luigi De Falco, il primo amministratore ad esprimersi con nettezza per la delocalizzazione. L’auspicio è che questa decisione possa segnare l’inizio di una fase nuova per la giunta de Magistris, la cui azione si è rivelata sino ad oggi incerta, contraddittoria, priva di strategia, mentre la città vive uno dei momenti più difficili della sua storia.
Show Comments: OR