responsive_m

Le barbarie di una nuova shoa

Le barbarie di una nuova shoa
Negli ultimi anni sono morti nel Mediterraneo almeno 15.000 migranti. E continuano a morire, anche se, allontanate le ONG, cade il silenzio su una strage continua, atroce, senza pietà neppure per i bambini. Il ministro della malavita però non si accontenta delle vite spezzate e del successo dei suoi slogan feroci. Vorrebbe di più. Per ogni vita strappata alla morte 5.000 euro di multa comminata ai salvatori. In un paese che alza muri, in città che si chiudono ai diversi, trattandoli come scarti dell’umanità, occorre ribellarsi prima che la barbarie di una nuova shoa diventi la specificità intollerabile di questi tempi feroci. (m.c.g)

INVERTIRE LA ROTTA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

giovedì 18 aprile 2013

Consumare meno, consumare tutti

Stiamo pagando il prezzo dell’eccesso di consumismo in cui abbiamo vissuto negli ultimi trenta-quaranta anni. Uno stile di vita non più praticabile. Non si può più vivere a credito, si deve limitare la crescita, non promuoverla; non si può più pensare di aumentare il volume di prodotti che poi andranno sprecati. Leggete le storie di Italo Calvino, “Le città invisibili”. Mi riferisco in particolare alla città di Eolia che descrive una storia profetica. Ci stiamo comportando in modo molto simile e questo è disastroso per la nostra moralità e per la nostra salute psicologica, ma è catastrofico anche per il nostro Pianeta. E il prezzo non lo paghiamo solo noi, ma anche i nostri nipoti. Quelli che non sono ancora nati e che nasceranno già con un enorme debito sulle spalle. Dobbiamo iniziare a pensare al futuro dell’umanità, non a come produrre e consumare di più, ma a come riorganizzare il rapporto con il consumo, ridistribuendo le risorse disponibili e facendo in modo di puntare di più sulle persone, insegnando loro altri modi per raggiungere la felicità, che non si riduce solo agli acquisti nei negozi (Zygmunt Bauman)
La Repubblica, 18 aprile 2012
Show Comments: OR