responsive_m

LA RAPINA DELLA TERRA AGLI ULTIMI

LA RAPINA DELLA TERRA AGLI ULTIMI
Sottrarre l'uso del suolo alle esigenze elementari (dall'alimentazione all'acqua, dall'abitazione alla riserva per gli usi futuri) delle comunità che lo abitano, è diventato in vaste regioni del sud del mondo, un ulteriore strumento di sfruttamento degli ultimi a vantaggio dei più ricchi. Il Land Matrix, un osservatorio indipendente del "land grabbing" registra che ad ora sono state concluse 557 transazioni, per un totale di 16 milioni di ettari (più o meno la metà della superficie dell’Italia) e altre, riguardanti circa 10 milioni di ettari, sono in corso. Questo fenomeno provoca l’espropriazione forzata e conseguentemente l'impoverimento e l'annientamento di comunità locali, la cui sopravvivenza è strettamente legata all'accesso a queste terre. (a.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

domenica 2 dicembre 2012

Ddl per il contenimento del consumo di suolo: tutti i documenti


Procede l'iter di approvazione del disegno di legge per il contenimento del consumo di suolo. Per chi volesse ricostruire l'iter del provvedimento, rendiamo disponibili i documenti approvati dal Consiglio dei ministri e dalla Conferenza unificata delle regioni e delle province autonome. (m.b.)

Come è noto, il Consiglio dei ministri, nella seduta del 16 novembre scorso ha approvato in via definitiva, dopo aver acquisito il parere favorevole della Conferenza unificata delle regioni e delle province autonome, il disegno di legge per la valorizzazione delle aree agricole e di contenimento del consumo del suolo.
Per chi volesse ricostruire l'iter del provvedimento, rendiamo disponibili:
- la proposta iniziale predisposta il 10 settembre e sottoposta al Consiglio dei ministri il 14 settembre;
- il parere della Conferenza unificata, consegnato il 30 ottobre, con allegate le proposte di emendamento  proposte dal Governo nella seduta del 23 ottobre e gli ulteriori emendamenti richiesti dalla Conferenza;
- il testo definitivoapprovato dal Consiglio dei ministri il 16 novembre.


Show Comments: OR