responsive_m

23M 2019: una marcia rivoluzionaria

23M 2019: una marcia rivoluzionaria
Il 23 marzo 2019 anche eddyburg si unisce alle migliaia di persone che scenderanno in strada per le vie e le piazze di Roma in una grande Marcia per il clima, contro le grandi opere inutili e per una giustizia ambientale. Ancora una volta sono i movimenti, i comitati, gli abitanti a rivendicare le ragioni per una rivoluzione del sistema, del modello di sviluppo in assenza di una sintesi politica capace di cogliere la svolta radicale necessaria per coniugare la salute, il benessere sociale, la salvaguardia del nostro pianeta terra e delle specie che lo abitano e i diritti umani. (i.b)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

VENEZIA

DAI MEDIA

sabato 24 novembre 2012

La cieca obbedienza italiana sul Fiscal Compact e «L'Europa da slegare»

Stralcio della postfazione a un libro che spiega perchè a quei patti non ci si può stare. Il manifesto, 24 novembre 2012

Il "Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance" è l'ultimo arrivato tra gli accordi europei. Vuole mettere sotto controllo i conti pubblici, impone il pareggio di bilancio e il rimborso di parte del debito pubblico. Voluto dalla Germania, è un Trattato che non può funzionare e condanna l'Europa alla depressione. Sbilanciamoci! ha pubblicato l'edizione italiana di L'Europe Mal-Traité, il nuovo best seller degli Economistes Atterrés francesi. Il titolo è «L'Europa da slegare. Il Trattato impossibile, le politiche necessarie», presentazione e traduzione di Armanda Cetrulo e Leonardo Madio e postfazione di Guglielmo Ragozzino, di cui anticipiamo qui una parte. Il volume si può scaricare gratis da www.sbilanciamoci.info

Si può chiamare apatia la maniera con la quale è votata dal Parlamento italiano il 18 aprile 2012 una legge costituzionale (Legge Costituzionale 20 aprile 2012 n.1) con la quale il paese si lega mani e piedi all'Europa comunitaria. Sono modificati in un colpo solo gli articoli 81, 97, 117, 119 della Costituzione, al termine di una «doppia lettura» e da parte di maggioranze così consistenti da evitare perfino il referendum confermativo, cioè il parere del popolo. Il pareggio di bilancio che l'Europa ha richiesto diventa così un principio assoluto, più forte di qualsiasi ripensamento democratico. Il nuovo articolo 81 lo prescrive. Inoltre gli articoli 97 e 119 della Costituzione, dopo la modifica, si europeizzano. Il 97 involve l'amministrazione: «Le pubbliche amministrazioni, in coerenza con l'ordinamento dell'Unione europea, assicurano l'equilibrio dei bilanci e la sostenibilità del debito pubblico», mentre le Regioni sono perentoriamente invitate, all'articolo 119, ad «assicurare l'osservanza dei vincoli economici e finanziari derivanti dall'ordinamento dell'Unione europea». Tutto ciò significa che il consensus di Bruxelles e/o di Francoforte deciderà per molti anni a venire della politica e dell'economia dell'amatissimo Stivale (...).
Nel frattempo, mentre il governo Monti aumentava le aliquote Iva, il Fondo Monetario Internazionale fa sapere che l'Italia ha esportato valuta per 235 miliardi di euro, corrispondenti al 15% del prodotto interno lordo, tra luglio 2011 e 2012. Quello dell'Fmi è come un invito all'Italia (o alla Spagna che realizza fughe di capitali ancora maggiori) di difendersi meglio nel capitalismo globale. Per i capitalisti italiani è invece la conferma: lo fanno tutti, devono essere gli spiriti animali. Il piano è di «mettere in salvo» i capitali oggi, ottenuti anche vendendo pezzi d'Italia, per ricomprarli domani quando costeranno di meno; oppure, più semplicemente, di cambiare paese per investire i capitali, per evitare di rimanere intrappolati nella svalutazione dell'euro di Roma, considerata, da molti, probabile.
La fuga dei capitali indica la debolezza del governo di Mario Monti rispetto al ceto economico e politico che dovrebbe sostenerlo a tutto spiano Le scorrerie su Cortina e altri luoghi di movida, guidate dalla governativa Agenzia delle entrate, infastidiscono la tribù dei ricchi, senza offrire all'altra tribù, quella delle classi non proprietarie del paese, un vero motivo di cambiare giudizio (...) Mentre Monti è sempre più in balìa della finanza creativa, cresce la divergenza di valutazioni tra governo e maggioranza parlamentare: si comincia a subdorare che Monti non si ritirerà, come un Cincinnato qualsiasi, con le elezioni politiche della primavera 2013.
Show Comments: OR