ULTIMI AGGIORNAMENTI

Non cadete nella trappola, la legge Lupi è inemendabile

Il 15 settembre scade il termine entro il quale il ministro Maurizio Lupi, nelle cui mani il premier Renzi e il presidente della Repubblica  hanno affidato il governo del territorio, prenderà in considerazione «proposte e spunti critici prima della definizione del testo e dell’inizio del suo iter formale». 
La proposta legislativa è il peggio che si possa immaginare. Per comprenderlo vi rinviamo all’articolo di Mauro Baioni sull’argomento, e agli altri numerosi scritti che abbiamo raccolto su eddyburg. La nostra viva speranza è che nessuno (associazioni, università, sindacati) presenti documenti che contengano proposte di modifica: quel testo è inemendabile, talmente è intriso di principi e dispositivi perversi: l’esatto contrario di un governo democratico, civile del territorio, rispettoso delle sue qualità e degli interessi dei cittadini. Quelli che devono prevalere su tutti  sono gli interessi della speculazione urbanistica ed edilizia.

Decreto Sblocca-Italia: se questa è la "visione", meglio rottamare il Governo Renzi

Anche nell'area ambientalista più vicina al PMR si sollevano aspre critiche dsulla politica dell territorio del minidux. Speriamo di leggere presto il loro parere sulla legge Lupi, progetto di pietra tombale per la sciagurata Penisola. Huffington Post, 1° settembre 2014

Il danno ambientale si può calcolare (e far pagare)

Continuamente si parla di un aumento o di un rallentamento della crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL) e tali variazioni si esprimono ... >>>

Piccolo dialogo su un tema centrale: un New Deal europeo

La sintesi dell'intervento di Barbara Spinelli a una recente riunione dei vertici dell'Unione europea ha suscitato un dialogo tra due autorevoli esponenti della lista L'altra Europa con Tsipras che ci auguriamo venga proseguita e approfondita. 1 settembre 2014, con postilla

Franceschini: «Niente privati nei grandi musei». È polemica sulla riforma

Goffi tentativi di minimizzare il danno: “non vogliamo mica mercificare e privatizzare i beni culturali; solo un po’, le briciole”. La Repubblica, 31 agosto 2014

Slocca Italia. L'ennesimo decreto di deregolamentazione “selvaggia” a danno del Paese

Un’analisi puntuale delle norme del famigerato decreto la cui approvazione - se dovesse avvenire – darebbe un colpo mortale all’integrità fisica, all’identità culturale, alla vivibilità e alla bellezza dell’Italia. Chi può, intervenga, o - se ha l'autorità per farlo e non fa -  taccia per sempre

Ecco come si organizza il nuovo “Sistema Mose”

«Venezia ora è in mano al ministero di Lupi, alleato col "Padrone" del Porto Paolo Costa: a breve parte lo scavo del canale per le "Grandi Navi"». Gli imbroglioni hanno in mano le carte che contano e le leve piccole e grandi del potere. Lavorano in fretta per distruggere ciò che è rimasto di un millennio di storia. Il mondo sta a guardare . Il Fatto Quotidiano, 29 agosto 2014

Fermate la macchina e discutiamone

Un appello delle associazioni cittadine romane per la tutela del territorio perché, prima di decidere, il sindaco Marino  apra una discussione responsabile nella città su un intervento, legittimato da aberranti decisioni nazionali, che sconvolgerebbe gran parte della capitale d'Italia. Carte in regola, 30 agosto 2014

Europa. Serve un cambio radicale

Una fondata critica della leader italiana de "L'altra Europa con Tsipras" alle politiche dominanti. Non basta dire che si è sbagliato, come hanno fatto Hollande e Padan, «occorre un cam­bio radi­cale di para­digma, se è vero che sono le idee di fondo sull’austerità, fos­si­liz­za­tesi ormai in ideo­lo­gia, ad aver pro­dotto que­sti sbagli». Il manifesto, 30 agosto 2014

Chiamiamolo Svendi Italia, non Sblocca Italia

Le parole bugiarde e i fatti veri. Con lo "sblocca Italia si «confonde colpevolmente l'eccessiva burocrazia e le gravi inadempienze con le autorizzazioni e i permessi che garantiscono una corretta gestione di patrimonio immobiliare, terreni agricoli, beni ambientali e archeologici».Huffington post, 1 settembre 2014

Se l’Italia e la Ue chiudono ai migranti la fortezza Europa

L'Italia di Renzi-Alfano e l'Eropa di ...continuano ad accrescere la disperazione che viene dal Sud. Non sono loro che piangono oggi, n saranno loro a piangere dumani.La Repubblica, 29 agosto 2014

Il governo ci consenta di fare scelte per la città

«Caro Ministro Lupi, nel suo approccio alla riforma urbanistica lei dimentica che secondo la Costituzione i fini sociali della proprietà prevalgono sugli interessi particolari del proprietario». Lettera aperta di un amministratore sul disegno di legge ministeriale. La Provincia di Como, 29 agosto 2014

sblocca

...ma la sostanza del risultato è già nota

L'espropriazione in nome della legge

Un libro su un tema decisivo per comprendere come la città e il territorio  possano divenire più belli e più equi: Senza pro­prietà non c’è libertà [falso], di Ugo Mattei (Laterza). Il manifesto, 29 agosto 2014

Renzi peggio di Berlusconi. I beni pubblici quotati in Borsa

Per ora l'unica differenza sostanziale tra i due, oltre all'età e alla base elettorale, è che il giovanotto è incensurato. Attac Italia online, 29 agosto 2014

Il trapasso dell’egemonia mondiale

«La transizione egemonica mondiale e la resistenza ad essa degli Usa rendono più instabili le condizioni dei paesi di confine fra Est e Ovest: in Europa, un tempo i Balcani, oggi l’Ucraina; nel Medio Oriente tutti i paesi, nessuno escluso». Il manifesto, 28 agosto 2014

Perché nella scuola il privato non è pubblico

«Sembra di capire che  la ministra Giannini auspichi un finanziamento sistematico, regolare che non distingua più tra i due sistemi, salvo che sulla base della “qualità”.ignorando che il dettato costituzionale non è solo una norma di tipo finanziario, ma una precisa regola di attribuzione di responsabilità». La Repubblica, 28 agosto 2014

Sotto la cappa del nuovo potere

Ancora un primato negativo. «Informazione . Una concordia asfissiante. Dall’inizio delle larghe intese, la stampa e la tv italiane hanno cambiato pelle acconciandosi alla funzione assai poco onorevole del portavoce zelante delle verità del governo». il manifesto, 27 agosto 2014

Lista "L'altra Europa": provo a dire la mia

«L'elemento costituente per me del nostro progetto è la lotta per "l'Altra Europa", legato alla lotta del sud Europa e alla proposta innovativa di Tsipras». L'intervento chiaro e appassionato, sui temi sollevati dall'eddytoriale 146, di uno dei principali costruttori della lista "L'altra Europa" e del suo successo

Ligresti sconfitto al Tar la Campazzo al Comune

Pare un trafiletto di locale, forse lo è, ma di sicuro indica un possibile ribaltamento storico di tendenza: la progressiva colmata della greenbelt metropolitana non è più un dogma urbanistico. La Repubblica Milano, 27 agosto 2014, con  postilla (f.b.)