ULTIMI AGGIORNAMENTI

Il disastro al Sud, la nostra Grecia

«Svimez. Il rapporto 2015 sull’economia racconta lo tsunami che ha travolto il Mezzogiorno nei sette anni della crisi: è cresciuto meno del paese di Tsipras devastato dalla Troika. Viaggio nel paese sotterraneo dove i poveri sono più poveri, le donne e i giovani i più colpiti dalle disuguaglianze prodotte dall’iniqua Eurozona». Il manifesto, 31 luglio 2015

Grandi Navi: «La sentenza del Tar porta a Tresse est»


«Secondo il Comune di Venezia e l'Autorità portuale la decisione dei giudici rallenta la realizzazione del nuovo canale Contorta, ma spiana la strada alla proposta della stessa amministrazione» Una vittoria della ragione, ma gli interessi mercantili e l'abissale cecità dei governanti sono già al contrattacco. La Nuova Venezia, 30 luglio 2015, con postilla

Quando Krugman iniziò a parlare di «mezzogiornificazione» d’Europa

«Le conseguenze anche nel bollettino economico della Banca Centrale Europea. Oggi il dualismo economico tra Nord e Sud Italia si è allargato al Nord e Sud Europa. L'analisi degli economisti Emiliano Brancaccio e Riccardo Realfonzo». Il manifesto, 30 luglio 2015

C’è della violenza nelle merci

In generale sappiamo ben poco di che cosa sono fatti gli oggetti che usiamo continuamente; la pentola in cui cuociamo la pasta, l’automobile ... (continua a leggere)

I kamikaze dello sviluppo arretrato di Firenze

Sventrare con un immenso tubo il sottosuolo di Firenze. Costruire un aeroporto che funzionerà da diga e comporterà... (continua a leggere)

Che cosa è in gioco a Roma

Finalmente un'analisi della vicenda romana che colloca le debolezze e gli errori di Ignazio Marino nel loro contesto, non facendone il capro espiatorio di colpe altrui. Il manifesto, 28 luglio 2015, con una lunga postilla

L’oblio democratico

Recensione preziosa, libro da leggere: perché nel pieno della crisi del finanzcapitalismo non emerge la prospettiva del superamento di quel devastante “modello di sviluppo”? Una nuova idea del lavoro come questione essenziale da affrontare. Il manifesto, 30 luglio2015

Una città un piano: Lione

Dal 17 al 19 settembre, a Lione, organizziamo due giorni di incontri con amministratori e tecnici del GrandLyon e dell’Agence d’Urbanisme e visite guidate. Qui il programma e le modalità di iscrizione. Ancora dieci posti disponibili.

Piazze in una gabbia d’acciaio

Non inganni il tono leggero, che illustra un caso locale di un problema universale: di burocrazia e ottusità istituzionale possono morire le persone e la vitalità urbana, altro che. Corriere della Sera Milano, 30 luglio 2015, postilla (f.b.)

Esperimenti fatali

«La vicenda greca rivela una nuova forma di colonialismo, condotto con il consenso dei paesi occupati, anche se sotto un ricatto assolutamente inedito. È un esperimento in corso e gli esiti dello stress test sono incerti. Ma una cosa è certa: qualunque sia il risultato, l’Europa non sarà più la stessa». Sbilanciamoci.info, 27 luglio 2015

Soldi e razzismo.

“A Venezia, gli stranieri sono bene accolti se hanno molto denaro”, dice un personaggio del Candide di Voltaire. Forse è vero dappertutto, ma qui l’intreccio... (continua a leggere)

La tragedia greca e la sovranità spodestata

«L’Europa è un deserto dove comanda il potere dei creditori». Ancora una considerazione che dimostra quanto lo strangolamento della Grecia da parte dell'Unione europea sia una minaccia per ciascuno di noi. La Repubblica, 28 luglio 2015

La cicala e la formica

Nata per scongiurare i nazionalismi che avevano devastato il Vecchio Continente e il mondo nella prima metà del '900, l'UE ritorna... (continua a leggere)

A tutto Marino, ma Sel lascia

Buone notizie per i romani, se le scelte di Marino saranno confermate. Marco Causi, Anna Donati, Marco Rossi Doria sono scelte più che affidabili per una giunta seria, se non si vogliono solo bandierine da sventolare nelle riunioni di partito. Il manifesto, 28 luglio 2015

Sanità, tagli per decreto tetto a esami e visite chi sfora dovrà pagare

Un obiettivo sociale (spostare ricchezza da chi ha meno a chi ha più) e un obiettivo politico (proseguire la costruzione dello Stato feudale). Non ci si poteva aspettare altro da questo governo. Una cronaca di  Roberto Petrini e un commento di Costantino Troise . La Repubblica, 27 luglio 2015

Domanda romana

Come mai la colpa del degrado della capitale è attribuita all'unico sindaco che sta tentando di rimuoverlo dopo che altri (non solo Alemanno, ma anche e prima di lui Veltroni) l'avevano provocato? Il PD storico e attuale è una palombella bianca?

La lunga marcia dei neoliberali per governare il mondo

Attenta analisi della nascita, crescita e conquista dell'economia da parte del neoliberismo, in una visione gramsciana della lotta per il potere.  Come ha fatto a vincere l'ideologia che domina, utilizzando strumenti che la sinistra novecentesca ha gettato alle ortiche (e i vagiti di quelle del nostro secolo stenta a saper usare). La Repubblica, 27 luglio 2015

Sui referendum non si scherza

«La democrazia è troppo importante per essere affidata ad annunci velleitari ad uso mediatico». Una verità non controvertibile. Un invito e un appello del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua  che va condiviso, se non vogliamo continuare a farci del male

Super Pechino

La questione dei grandi sistemi insediativi, di riconoscerne l’esistenza in quanto tali e poi eventualmente di programmarne lo sviluppo, è vecchia quanto l’uomo. Ma anche il vizio di confondere un po’ i termini. La Repubblica, 27 luglio 2015, postilla (f.b.)

Pompei, il governo e la propaganda

Ecco perché un'ora e un quarto di ritardo dell'apertura di Pompei al pubblico è diventato un caso internazionale, che ha sputtanato l'Italia ma coperto le magagne del governo. La Repubblica, blog "Articolo 9", 26 luglio 2015