ULTIMI AGGIORNAMENTI

Il male assoluto che non si può più nascondere


«Oggi tutto accade sotto l’assidua attenzione dei media. Siamo davanti a una omologazione della Shoah,peggio,a una versione banalizzata». E ricordiamo, con Bertold Brecht, che il ventre che ha partorito quel mostro e’ ancora gravido. La Repubblica, 4 settembre 2014

Ungheria

Ieri sulle spiagge della Turchia, oggi sulle rotaie dell'Ungheria. L'olocausto continua

A Budapest la rivolta dei rifugiati

«Budapest. Tensione a Bicske, ai confini con l’Austria, dove i migranti si rifiutano di scendere del treno e di essere internati in un campo. Scontri con la polizia. A Budapest manifestazione dentro la stazione». Il manifesto, 4 settembre 2015

Questa Europa

Uno dei tanti che abbiamo ucciso noi, promuovendo o tollerando gli attuali governanti dell'Europa. sulle spiagge del mediterraneo  nelle sue profondità, siamo noi elettori dei governi europei che siamo i colpevoli.sulle rotaie dell'Ungheria o sulle scogliere di Ventimiglia,  Usque tandem...

Referendum, maneggiare con cura

Attenti a come si maneggiano gli strumenti della democrazia. Un loro uso sbagliato è controproducente. Lavorare male, sbadatamente, senza riflettere e studiare quando si vuole contrastare qualcosa significa far vincere l'avversario. Il manifesto, 3 settembre 2015

Il berlusconismo visto dalla luna

L'illustre dissacratore del mostro del decennio scorso lo riprende  oggi sotto la sua lente rivelatrice, insieme al suo delfino Matteo.  «Rivediamo l’Italia descritta da Leopardi, parolaia, bigotta, sguaiata, inerte». La Repubblica, 3 settembre 2015

Se il lavoro è senza contratti

Dal Job's Act all'abolizione del contratto nazionale. Bisogna riconoscere la  piena coerenza di Matteo Renzi nel raggiungere progressivamente il suo.obiettivo: eliminare tutte le protezioni che in due secoli di lotte erano state ottenute per limitare lo strapotere dei padroni www.sbilanciamoci.info, 3 settembre 2015

Costruire un'altra società

Una posizione largamente condivisibile nel dibattito sulla sinistra, ma con molte questioni da discutere, a patire dal significato del "lavoro, del nome preciso del "sistema", del significato di "sinistra " nel XXI secolo. Ci ripromettiamo di farlo. Comune.info, 2 settembre 2015

Su filosofia e politica Platone tradì Socrate

Non è da oggi che la politica non vuole la saggezza della filosofia e l'imbarazzo della verità. La filofa Il rapporto fra i due pensatori greci, il ruolo dei sapienti nella polis e la tradizione occidentale in un’originale riflessione di Hannah Arendt. La Repubblica, 2 settembre 2015 

Come non ricreare l'ordine coloniale

Per cambiare il mondo bisogna porsi anche esistenzialmente dalla parte di quelli che patiscono di più per colpa del mondo  comeè oggi.  A proposito del libro di Raul Zibechi "All'alba di mondi 'Altri'" , con un sintetico ricordo del colonialismo italiano. Comune.info, 2 settembre 2015

Dalla parte delle donne

Papa Francesco proclama «l’invito a chiudere l’epoca della faccia feroce, della guerra indetta da singoli, associazioni, partiti e Stati contro le donne e contro i medici che praticano l’interruzione volontaria della gravidanza».La Repubblica, 2 settembre 2015

Cinque pezzi difficili per la crisi italiana

Un vigoroso intervento nel dibattito aperto sul manifesto, con molte verità scomode e qualche punto su cui discutere. Eccone uno: gli sfruttati su cui far leva per uscire dalla crisi "strutturale" è solo quella dei lavoratori? Il manifesto, 2 settembre 2015

Marino nemico di ogni criminalità


Finalmente qualcuno che racconta come stanno i fatti, e per quali ragioni si sia scatenato un attacco concentrico contro l'unico sindaco che abbia concretamente lavorato contro le mafie che da qualche decennio operano indisturbate nel Comune di Roma. Corriere della Sera, ed,Roma, 1 settembre 2015

L’iniezione che serve a Pechino

«Cina. Liquidità? No, socialismo. Per far ripartire il Paese bisognerebbe seguire il programma di Jeremy Corbyn, che auspica un "più liquidità per tutti"». Il manifesto, 1 settembre 2015

Alejandro Aravena: «La mia Biennale di frontiera e senza archistar»

Una Biennale di architettura molto promettente, anche perché molto lontane dal mainstream. Non tanto per ciò che si propone di escludere, ma per ciò che vuole includere: l'architettura che serve a chi abita la città, non a chi ha più soldi degli altri. La Repubblica, 1 settembre 2015

Le religioni si interrogano sull’ambiente

Dagli anni ottanta del Novecento le chiese cristiane stanno dedicando attenzione ai problemi della difesa della natura e dell’ambiente, della pace ... (continua a leggere)

Chiuse dalla GB di Cameron le frontiere ai migranti



Con il rifiuto di partecipare alla salvezza delle popolazioni in fuga dalle terre della miseria e del terrore la Gran Bretagna cancella secoli della sua stessa storia e torna a quel suo lugubre passato, quando iniziò costruire la propria ricchezza sulla tratta degli schiavi, sul saccheggio dei paesi d’Oltramare, sulla politica fomentatrice di guerre tribali

In ricordo di Vincenzo (Cenzi) Cabianca

Un mese fa ci lasciava Vincenzo Cabianca, un urbanista che ha insegnato molto e ha ancora molto da insegnare.lo ricordiamo oggi con due testi  scritti rispettivamente da Umberto De Martino e Vezio De Lucia, introdotti da una breve premessa

«La vera sinistra si chiama Syriza»

«Grecia. Alla Conferenza nazionale del partito tra governisti e critici. Tsipras dà il via alla campagna elettorale Tsakalotos resta, critiche dal "gruppo dei 53": "Linee rosse da non valicare"». Il manifesto, 30 agosto 2015

La porta d'Europa

Non è l'unica chiusa, sebbene sia la più scandalosa per chi la tollera